Ottobre: un mese da leggere

Ottobre, un mese da leggere per volare

in un’altra epoca, in un mondo diverso

leggere per …

idee in movimento

Ottobre, un mese per leggere e per prendere il vizio della lettura.

Questo appello nasce dalla necessità di rilanciare, incentivare e valorizzare la rete di strutture e iniziative che sono impegnate nel nostro Paese nella Promozione del Libro, inteso come presenza vitale, amichevole e indispensabile anche per noi adulti: un intrattenimento intellettuale che rende più forte la capacità analitica del pensiero.

Iniziamo dalle favole le quali educano la mente del bambino: la lettura condivisa è una pratica preziosa! L’ascolto e la lettura delle favole hanno un impatto positivo perché esercitano effetti benefici in termini cognitivi.

Da una ricerca statunitense, è emerso che i bambini esposti all’ascolto di fiabe in età prescolare, cioè da 0 a 3 anni, potenziano migliori capacità di elaborazione dei testi narrativi e di lettura stimolandola loro creatività. Risultano maggiormente interessate soprattutto le aree cerebrali deputate allo sviluppo del linguaggio e quelle relative alla produzione delle immagini della mente.

I libri sono come un parco giochi: saltando di pagina in pagina, ci si diverte, apprendendo. In aggiunta, sollecitando e convogliando le energie espresse da enti locali, biblioteche, scuole, famiglie e associazionismo, ci si auspica di “dare voce” ai libri e di rilanciarli come proposta educativa plurisensoriale: unire il piacere della lettura anche ad alta voce con l’esperienza tattile, “con-tatto”!